Venerdì, 19 Giugno 2020 09:00

PRIME SCARPINE, come sceglierle?

Spiega il podologo e posturologo Daniele Simonetti.

Dopo molti tentativi e tante sperimentazioni, dopo aver gattonato o rotolato, finalmente cammina! Per aiutarlo in questa sua nuova conquista, servono incoraggiamento, serenità e gli accessori giusti...

Ogni fase della crescita richiede tempo.

Ma anche un impegno importante da parte del piccolo, che deve imparare da zero, e dei suoi genitori, per accompagnarlo in ogni passaggio. Anche attraverso la scelta di accessori adeguati, che nel loro utilizzo garantiscano sicurezza e il rispetto della fisiologia del bebè. Le scarpine non fanno di certo eccezione.

«I primi passi sono fondamentali per lo sviluppo del piede», spiega Daniele Simonetti, podologo e posturologo, «per questo è indispensabile, una volta abbandonate le calze antiscivolo, scegliere una calzatura corretta».

SOSTENERE, SENZA MAI COSTRINGERE

“Il piede è un capolavoro di ingegneria, è un opera d’arte”, scriveva Leonardo da Vinci.

Permette di camminare, saltare e correre: per questo è importante indossare scarpe che non lo costringano, limitando così anche la sua capacità sensoriale, e che lo lascino libero di muoversi. «La calzatura giusta deve garantire al bambino la stabilità necessaria per i suoi primi passi», raccomanda l’esperto. «Per questo deve avere una suola antiscivolo e un contrafforte posteriore che stabilizzi il tallone, ma deve anche avere una buona flessibilità nella parte anteriore: i malleoli devono essere lasciati liberi per permettere alla caviglia il proprio movimento». 
Meglio evitare, poi, materiali sintetici e preferire quelli naturali, che sono più traspiranti e leggeri.

ERRORI DA EVITARE

«Il primo, e il più comune, è acquistare scarpe di misura più lunga rispetto al piede: indossandole, il piede scivola continuamente in avanti, traumatizzando
l’apice delle dita e le lamine ungueali», spiega Daniele Simonetti. No anche all’ uso di scarpe di fratelli o amici, perché non esistono piedi uguali e la deformazione della scarpa è soggettiva. Far provare le scarpe ai bambini può essere difficile, specie se non sono collaborativi, perché è difficile capire se la misura è corretta.

Se la soletta interna della scarpina è estraibile, invece, è possibile misurare la lunghezza semplicemente, facendo appoggiare il piedino fuori dalla scarpina. «L’ideale è lasciare uno spazio di 8mm, 1 cm, in modo che la calzatura avvolga il piedino più dolcemente, senza costringerlo», consiglia l’esperto.

Se il sottopiede non è estraibile o se il tuo bambino è molto piccolo, apri il più possibile la scarpina e manda completamente in avanti il piedino. Se nello spazio che rimane tra il tallone e l’interno posteriore della scarpa entra un dito, la misura è corretta. «Infine, è preferibile scegliere le scarpe alla sera, quando il piede è più gonfio» conclude l'esperto.

 

Scopri qui tutti i modelli PRIMO PASSO

 

Articolo redatto in collaborazione con quimamme.corriere.it e il Dott. Daniele Simonetti. 




GUIDA PASSO DOPO PASSO
GUIDA AL CORREDINO
CONSIGLI PER LA CURA DELLE CALZATURE
CONSIGLI PER LA CURA DELL' ABBIGLIAMENTO
TROVA LA TAGLIA GIUSTA
SEGUICI

Assistenza Clienti

Per comunicare con la nostra azienda
è a vostra disposizione il numero

075 50 28 466

attivo dal lunedi al venerdì dalle 8.30 alle 14.30

Contatti

IMAC S.p.A. - Divisione IGI

Via Sandro Pertini, 6

06073 Ellera di Corciano (PG)

P. IVA 00985500446

Email

Puoi anche contattarci a:

vendite.it@primigi.com

per richiedere informazioni,
per ricercare i nostri punti vendita,
per segnalarci un problema